Venipedia®

Nipote del doge assassinato a S. Zaccaria (864).

Battagliero ed energico, egli è ricordato per l’organizzazione della difesa del territorio contro il pericolo rappresentato dagli ungari e acclamato come liberatore: nell’anno 900, per difendere il centro politico della città e quindi la sede del governo da possibili pericoli di attacchi e soprattutto premunirsi appunto contro le invasioni degli ungari, farà costruire in tutta fretta una muraglia dal Rio di Castello (poi Rio della Canonica, a fianco del Palazzo Ducale) fino a S.M. Zobenico.

Il basileus lo premiò concedendogli il titolo di protospatario. Morì di morte naturale e fu sepolto nel Monastero di S. Zaccaria.

Per alcuni mesi la sede dogale fu retta provvisoriamente da Domenico Tribuno, che non figura nell’elenco dei dogi.

(gidi)

Galleria immagini

Incisione raffigurante il doge Pietro Tribuno.
Lo stemma del doge Pietro Tribuno

Viaggiare è meraviglioso, se viaggi nella conoscenza lo è doppiamente. Con Venipedia Supporter ricevi la newsletter Cinque dall'Enciclopedia, ogni lunedì alle 9 in punto. In più è un buon modo per aiutarci a rendere questo viaggio insieme sempre più partecipativo, confortevole, utile e stimolante: nella conoscenza, nella scoperta, nell’esplorazione, nella bellezza, nell’ispirazione e in quanto può migliorare il futuro di tutti noi. Giorno dopo giorno. Supporta la qualità di Venipedia, con soli 29€ l'anno

Sempre tuoi,
i Mastri Venipediani

Abbonati a Venipedia Supporter

Venipedia Supporter è un abbonamento annuale che ti dà accesso a servizi aggiuntivi (come la newsletter Cinque dall'Enciclopedia e l'area La tua voce, che si rinnova automaticamente alla scadenza se non decidi di disdirlo o sospenderlo, dalla tua area personale (devi avere un account Venipedia).

Leggi anche