Venipedia: molto più di un'enciclopedia di Venezia. – La miglior guida di Venezia.

Non chiedete ai veneziani dove si trova la tale piazza o la tale via perchè vi sentireste rispondere che a Venezia c'è solo una piazza nel sestiere San Marco, ovvero Piazza San Marco, e solo una manciata al massimo di vie. Questi elementi sono sostituiti da campi e campielli, per le piazze e da calli e callette per le vie.

Non solo: per dare informazioni sulla distanza, difficilmente si calcolano in chilometri ma bensì in minuti, il tempo necessario per andare a piedi o in vaporetto.

L'origine del nome campo deriva dal ricordo delle superfici erbose effettivamente presenti un tempo davanti alle chiese, talvolta con coltivazioni, in terra battuta o prato, come testimonia il campo San Pietro di Castello. Poi ci sono i campielli così chiamati per le dimensioni più ridotte, e infine i campazzi per la loro dimensione più grande del normale.

Il nome associato ai campi deriva spesso da ciò che vi si trova vicino, come palazzi, chiese o attività che si praticavano nel medesimo.

Da sempre, i campi costituivano il ritrovo degli abitanti della zona nonchè il luogo per i divertimenti, per le dispute e, più recentemente, per un più comune spazio giochi dei bambini. In moltissimi di essi, sono presenti delle vere da pozzo che servivano da contenitori di acqua piovana e fontane tutt'ora funzionanti per dissetare la cittadinanza.

È utile tenere a mente che anche Venezia, come ogni altra città del mondo, ha subìto varie trasformazioni urbane e anche i campi oggi non rispecchiano fedelmente la realtà cittadina di altri tempi. Alcuni, per esempio, non esistono quasi più, altri sono stati dimezzati nella loro ampiezza, altri ancora sono stati rivisti. Molti altri, appunto, erano in terra battuta o prato e il territorio stesso si è esteso maggiormente nel tempo.

Va quindi considerato che Venezia oggi ha un proprio territorio comunale ampio, che esce dall'area rappresentata dall'insieme dei sestieri e include anche le isole della laguna nonché la terraferma veneziana. Per questo motivo l'intero comune di Venezia comprende quindi più di una piazza – come Piazza del Priorato nel Lazzaretto Vecchio, Piazza Galuppi a Burano, Piazza Maggiore a Malamocco, Piazza Ferretto a Mestre, Piazza Mercato a Marghera per citarne alcune, anche se la Piazza per eccellenza resta considerata Piazza San Marco, sia per le dimensioni che per gli avvenimenti storici avvenuti sulla sua superficie – e numerose varie vie tipiche dell'urbanistica stradale più conosciuta, oltre che piazzali come il conosciuto Piazzale Roma, punto di arrivo e partenza, tra gli altri, dei mezzi di linea urbani ed extraurbani.